Make your own free website on Tripod.com

Cosa sono le scommesse a quota fissa (o Totoscommesse)?

Le scommesse a quota fissa sugli sport diversi dall’ippica sono state introdotte ufficialmente in Italia nel 1998, prima sul Calcio e poi su molti altri sport. Tuttavia e’ possibile giocare anche su Internet, attraverso numerosi Bookmakers esteri, presenti sul mercato gia’ da molto tempo.

Nelle scommesse a quota fissa vengono attribuite delle quote a certi eventi sportivi (come le partite di calcio), quote che naturalmente sono proporzionate alla probabilita’ del relativo risultato: ad alte probabilita’ (ad esempio: vittoria di una squadra forte che gioca in casa) corrisponderanno quote piu’ basse, e quindi vincite minori. Per aumentare il malloppo da incassare e’ anche possibile effettuare una scommessa multipla ("martingala"), su piu’ eventi contemporaneamente: in questo caso la somma vinta e’ data dalla moltiplicazione delle varie quote tra loro e per la scommessa fatta, ma basta sbagliare un solo risultato per perdere tutto.

 

Conviene il Totoscommesse?

La perdita media nel totoscommesse va dal  9 al 12% per una scommessa singola (a seconda delle quote); si perde invece parecchio di piu’ (sempre in media) per una scommessa multipla. Ad esempio, se con una singola perdo in media il 10%, con una tripla perdero’ il 28%.

Ci sono pero’ due elementi che consentono di giocare al Totoscommesse con possibilita‘ di guadagno:

1. Esiste una componente di abilita’ dello scommettitore, sia pure molto difficile da valutare.

2. Esistono vari bookmakers che forniscono quote diverse tra loro, dunque e’ possibile

    scegliere la quota migliore riducendo sensibilmente le perdite medie.

Insomma, e' possibile giocare con l’obiettivo di  vincere anche nel Totoscommesse, pur se ovviamente la cosa non e' certo semplice o sicura. Addirittura si creano talvolta dei casi di vantaggio matematico; in queste (rare) situazioni e' possibile scommettere su Bookmaker differenti, guadagnando qualsiasi sia il risultato finale. 

 

 

Come scegliere un Bookmaker

Þ Il primo requisito in assoluto di un buon Bookmaker e’ l’affidabilita’. Non sono poi cosi’ rari i Bookmaker “scappati col malloppo” che hanno lasciato gli scommettitori con un palmo di naso e senza possibilita’ alcuna di riavere i propri soldi.

Þ Un altro requisito importante e’ la varieta’ di scelta tra gli eventi da scommettere. Per alcuni scommettitori e’ importante poter scegliere tra un’ampia offerta di sport e di tipologia scommesse, mentre altri possono magari accontentarsi solo di pochi eventi.

Þ Ci sono poi le spese di versamento e prelievo, da considerare specie se si versa e ritira con una certa frequenza.

Þ Da non dimenticare naturalmente le quote: alcuni bookmaker offrono quote piu’ altre di altri sui

          favoriti, altri magari (come la SNAI) offrono quote in genere davvero troppo basse…

Þ Se siete esperti di sport “minori” assicuratevi che il Bookmaker che sceglierete quoti tutti gli eventi che avrete intenzione di giocare!

 

Insomma, e’ bene scegliere il bookmaker (o, meglio ancora, piu’ di uno!) in relazione del proprio modo di scommettere, e non solo basandosi sull’impressione esteriore che puo’ dare magari un sito piu’ colorato...

 

Ulteriori informazioni sul Totoscommesse si possono trovare nel newsgroup it.hobby.totoscommesse o sul sito www.vivabet.com che contiene anche ottimi pronostici.

Casella di testo: Torna all’inizio
Casella di testo: Avanti
Casella di testo: Estremamente affidabile, 
senza spese di versamento o prelievo, 
quota di tutto, anche la Serie D!!!  
Senza spese di versamento o prelievo.
In Italiano, 30 Euro di Bonus 
dopo la prima scommessa.
Casella di testo: Molto affidabile,
in Italiano, 
Quote piu’ alte,
Bonus periodici